Denunce di morte

La denuncia viene effettuata normalmente entro le ventiquattro ore successive al decesso per tutti i morti nel territorio comunale.
La denuncia di morte viene fatta da un congiunto o dalle imprese specializzate presentando la scheda ISTAT compilata del medico curante.
Se il decesso è avvenuto presso una abitazione privata occorre la preventiva visita del medico necroscopo.
In caso di incidenti o morti sospette è indispensabile l'autorizzazione al seppellimento rilasciata dalla Procura della Repubblica.


Se la persona deceduta aveva espresso la volontà di essere cremata, occorre presentare all'Ufficio, oltre ai documenti già menzionati, la dichiarazione della volontà della persona deceduta; per coloro che erano iscritti ad associazioni riconosciute che abbiano tra i propri fini anche la cremazione occorre che la dichiarazione di volontà sia convalidata dal Presidente dell'associazione.
In mancanza di volontà espressa tramite testamento, il coniuge o, in difetto, il parente più prossimo possono dichiarare con uno scritto la volontà espressa dal defunto in vita, di essere cremato.

In entrambi i casi occorre presentare anche il certificato in carta libera del medico di famiglia o necroscopo, con firma autentica dal Coordinatore Sanitario, dal quale risulti escluso il sospetto di morte dovuta a reato.
In caso di morte improvvisa o sospetta occorre il nulla osta dell'autorità Giudiziaria.